3
2

Ho appena ascoltato il discorso di Riccardo Padovani, che ho inteso anche come un invito a contribuire di più.

Seguendo questo spirito molto bello di auto implementamento di Chiedi, ho pensato ad una cosa (io penso, raro (-: )... volevo sapere se secondo voi è il caso di fare qualcosa per tutte quelle domande che hanno una certa età e sono rimaste senza risposta (per i più svariati motivi: troppo specifiche, richiedente inattivo ,ecc..), non tanto per i moderatori o per l'utente in generale che deve rispondere, perché vedrà da solo che non è il caso di perdere tempo su una domanda inattiva da tre mesi, ma per chi deve chiedere.

Mi spiego meglio: se io cerco la soluzione al mio problema, prima di fare la domanda e magari mi ritrovo un sacco di domande molto simili alla mia, sono in qualche modo scoraggiato a sfruttarle (le persone tendono ad essere pigre) e piuttosto farò una domanda nuova che andrà ad alimentare il numero iniziale di domande simili.

Quindi volevo chiedere se esiste già un metodo per limitare il fenomeno o se ho fatto una pensata strampalata, senza senso.
Grazie

chiesto 03 Feb '14, 22:37

lillo8919's gravatar image

lillo8919
2464815

modificato 04 Feb '14, 15:03

enzotib's gravatar image

enzotib ♦♦
14.0k112186

1

@lillo8919: concordo. Effettivamente molte domande possono non trovare soluzione semplicemente perché possono passare inosservate a chi potrebbe dare una risposta risolutiva. E sia il regolamento, che la logica, scoraggiano a porne una simile.

Oserei proporre la ricerca e la chiusura o l'eliminazione delle domande abbandonate a se stesse da più di un certo tempo, o delle domande dove chi le ha poste, non le ha più seguite.

(03 Feb '14, 23:09) enzoge enzoge's gravatar image

Grazie della tua risposta @ilgallinetta

(03 Feb '14, 23:15) lillo8919 lillo8919's gravatar image

No, la pensata non è strampalata. Uno dei fenomeni che ho riscontrato è proprio il fatto che accennavi, secondo il quale ci sono un buon numero di utenti che si iscrivono alla piattaforma, pongono una domanda e poi non tornano più a seguirla.

Altre domande invece non trovano risposta semplicemente perché passano di moda, scivolando in basso nella home page, senza che qualcuno competente per quella domanda abbia avuto modo di leggerla.

Infine, spesso si pongono domande simili perché la funzionalità di ricerca non mi pare funzioni ancora molto bene (a volte faccio fatica anch'io a trovare domande che ricordo tramite qualche elemento, e la ricerca non me le restituisce).

Sul primo punto c'è poco da fare da parte di moderatori e utenti con privilegi. Si potrebbe suggerire di implementare un meccanismo secondo il quale venga inviata una email di promemoria (poco invasiva, che so, una volta al mese) agli utenti che non frequentano, con il loro consenso spuntato di default in fase di iscrizione.

Sul secondo punto potremmo e dovremmo lavorarci, facendo periodicamente il lavoro di riportare in luce vecchie domande senza risposte (secondo questa procedura).

Sul terzo punto, ci sarebbe da migliorare la funzionalità di ricerca, e questo compete ai membri della comunità che si occupano di sviluppare sulla piattaforma.

Per quanto riguarda la cancellazione di vecchie domande abbandonate, sarei anch'io d'accordo sul chiuderle o cancellarle, se l'utente è "dormiente", ma su questo mi piacerebbe sentire gli admin di Chiedi.
Negli altri casi, anche se non c'è una risposta accettata, non è detto che non ci sarà in futuro, e anche la presenza di una domanda senza risposte può dare qualche informazione sul fatto che su quel problema non c'è ancora una soluzione.

Concludo dicendo che, a mio parere, la comunità degli utenti di chiedi è ancora troppo focalizzata verso problemi di base (come si installa? come faccio funzionare il wireless?) che possono spesso essere risolte facilmente leggendo la pregevole documentazione fornita dalle comunità Italiana e Internazionale di Ubuntu, oppure utilizzando altri canali più adatti, come IRC, dove l'interattività del colloquio tra utenti rende più semplici tutte quelle situazioni in cui è necessario eseguire comandi da terminale e scegliere strade diverse al seconda del risultato ottenuto.

coll. permanente

ha risposto 04 Feb '14, 14:08

enzotib's gravatar image

enzotib ♦♦
14.0k112186

@enzotib: diciamo pure che se ci fosse modo di tenere in prima posizione la tua "procedura", perlomeno si otterrebbe un maggiore afflusso da chi pone la domanda che, anziché scoraggiarsi, cerca di metterla in evidenza.

(04 Feb '14, 14:47) enzoge enzoge's gravatar image

@ilgallinetta: non vorrei che poi si abusasse di questo fatto, così che diventi difficile vedere le nuove domande, subbissate dalle vecchie riportate in alto.

(04 Feb '14, 15:01) enzotib ♦♦ enzotib's gravatar image

@enzotib: verissimo, non ci avevo pensato.

(04 Feb '14, 15:11) enzoge enzoge's gravatar image

Grazie @enzotib per la tua risposta, l'ho accettata

(04 Feb '14, 21:24) lillo8919 lillo8919's gravatar image

Grazie anche a @ilgallinetta per aver sostenuto un po' il dibattito su questo

(04 Feb '14, 21:25) lillo8919 lillo8919's gravatar image
1

Ciao a tutti, stavo cercando info riguardanti la chiusura delle domande e sono finito qui.

Sono d'accordo con quello che dite, andrebbe fatto qualcosa per alcune vecchie domande (non tutte certo), per il semplice fatto che possono disorientare totalmente chi cerca delle risposte ai propri problemi.

Mi è capitato spesso di leggere nei commenti delle soluzioni che non centrano nulla con la domanda posta. Ad esempio, in molti commenti gli utenti scrivono che hanno risolto il problema reinstallando Ubuntu. In questi casi, personalmente chiuderei le domande, ma vorrei sapere la vostra opinione.

(12 Mar '14, 20:32) alevipri alevipri's gravatar image
1

@alevipri: io sarei d'accordo, ha poco senso reinstallare come soluzione

(13 Mar '14, 17:07) enzotib ♦♦ enzotib's gravatar image
1

@alevipri, @enzotib, sono d'accordo anch'io, cominciare da queste sarebbe già una buona cosa. Però secondo me bisognerebbe che sull'argomento, oltre che al moderatore, si pronunciasse anche il gruppo di gestione del portale.

(13 Mar '14, 17:20) enzoge enzoge's gravatar image

Ciao a tutti, ho da poco installato ubuntu e da subito ho potuto constatare quanto poco già mi manchi windows. Non penso che la domanda posta possa avere una risposta univoca e definitiva: come nel mondo, anche qui l'entropia trova il proprio spazio. E non voglio passare il concetto di entropia nell'accezione negativa. Tutt'altro: l'entropia è un po' il male necessario che ci induce a cercare modi per ristabilire l'ordine. Penso che la procedura promossa a wiki indicata sopra da @enzotib sia assolutamente degna di nota e utile agli utenti. Mi chiedo solo se, per dissuadere coloro che frequentano CHIEDI per avere risposte istantanee (che magari non avranno) per poi, compulsivamente, andare altrove ponendo la stessa domanda o cercando risposte alla domanda, potrebbe aver senso porre limitazioni all'eventuale bump, di modo che, allo scopo di farlo, un utente non sia soggetto a una sorta di "gavetta" prima di avere pieno diritto di fare andare nuovamente in cima la propria domanda. Cosa ne pensate? Ha senso la riflessione?

coll. permanente

ha risposto 31 Ott '15, 23:11

fabi0's gravatar image

fabi0
552

La tua risposta
abilita/disabilita anteprima

Segui questa domanda

Via email:

Una volta eseguito l'accesso potrai iscriverti a tutti gli aggiornamenti qui

Via RSS:

Risposte

Risposte e commenti

Basi di markdown

  • *corsivo* o __corsivo__
  • **grassetto** o __grassetto__
  • collegamento:[testo](http://url.com/ "titolo")
  • immagine?![alt testo](/path/img.jpg "titolo")
  • elenco numerato: 1. Foo 2. Bar
  • per aggiungere un'interruzione di riga, aggiungi due spazi a fine riga e premi «Invio»
  • è supportato anche semplice HTML

Tag:

×90

domanda posta: 03 Feb '14, 22:37

domanda visualizzata: 1,793 volte

ultimo aggiornamento: 31 Ott '15, 23:11

Chiedi è un servizio di supporto gestito da Ubuntu-it. Contattaci!

powered by OSQAPostgreSQL database
Ubuntu e Canonical sono marchi registrati da Canonical Ltd.