Salve a tutti!

La mia situazione è più o meno questa: ho un HDD da 750GB e un SSD da 960GB.

Il primo (sda) è diviso in:

  • sda1 100MB partizione EFI
  • sda2 900MB recovery di Windows
  • sda3 128MB una partizione di windows sconosciuta, che sia GParted, sia gestione dischi di Windows non hanno idea di cosa si tratti
  • sda4 300GB partizione C: di Win10
  • sda5 220GB di partizione D: vuota
  • 78GB non allocati
  • sda6 75GB Ubuntu 16.04
  • sda7 4GB Ssap
  • sda8 20GB Restore di Windows

Nel secondo intendo creare una tabella di partizioni gpt e copiare tutte le partizioni del primo meno quella di Ubuntu (che ho intenzione di sostituire con una ext4 vuota, perché intendo reinstallarlo dato che mi dà da un po' vari problemi) e la swap (che non mi serve). La cosa fondamentale è non perdere Win10 e tutti i programmi installati in esso. perciò ecco le altre domande:

1) si può utilizzare Gparted copiando le partizioni una per una o ci sono controindicazioni? Mi darebbe problemi (in particolare con la partizione EFI, con quella sda3 che non conosce e con l'avvio di Win10)? In ogni caso, copiare una partizione consiste nel clonarla in tutto e per tutto?

2) nel caso vada bene GParted, posso utilizzare quello installato nell'Ubuntu sul disco fisso, anziché da LiveUSB, dal momento che si trova sullunica partizione che non verrà nemmeno guardata?

3) il grub verrà copiato senza problemi?

4) ha senso utilizzare due partizioni distinte per Windows (C: sistema e D: dati)? e conviene per ubuntu avere la /home anch'essa in una partizione separata? in tal caso quanto spazio dedico al solo sistema?

5) tutte le ultime volte che ho utilizzato delle LiveUSB create con Unetbootin o con il creatore di immagine disco di Ubuntu ho avuto dei problemi, anche su chiavette diverse: potrebbe essere un problema di unetbootin che corrompe in parte l'immagine e causa un effetto a catena oppure un'incompatibilità con il mio hardware?

Spero di essere stato chiaro...

chiesto 01 Ott '16, 19:51

Lord%20Jack's gravatar image

Lord Jack
155101319


Rispondo punto per punto, che è più facile...

1) si può utilizzare Gparted copiando le partizioni una per una o ci sono controindicazioni? Mi darebbe problemi (in particolare con la partizione EFI, con quella sda3 che non conosce e con l'avvio di Win10)? In ogni caso, copiare una partizione consiste nel clonarla in tutto e per tutto?

Se volessi spostare una partizione Linux ti direi che puoi farlo senza pensarci troppo (ovviamente fatti un backup per sicurezza!!!) ma per Windows 10, rabbrividisco al solo pensiero.
Windows 10 ha tutta una serie di protezioni per impedirti di installarlo su più computer quando non puoi, e temo che esploda solo a provarci.

Per sicurezza, prima di procedere contatta il supporto Microsoft.

2) nel caso vada bene GParted, posso utilizzare quello installato nell'Ubuntu sul disco fisso, anziché da LiveUSB, dal momento che si trova sullunica partizione che non verrà nemmeno guardata?

Quando lavori su partizioni, conviene sempre che lavori da live, in modo che se qualcosa va storto e ti si frega il disco (se si corrompe la tabella, ad esempio, anche la partizione da cui sta lavorando viene persa), il sistema resta stabile,

3) il grub verrà copiato senza problemi?

Se non modifichi gli UUID delle partizioni, non avrai problemi. Ma reinstallare GRUB è una passeggiata, a meno che tu non abbia UEFI, ma dato che vuoi reinstallare Ubuntu, GRUB verrà reinstallato quando reinstalli Ubuntu.

4) ha senso utilizzare due partizioni distinte per Windows (C: sistema e D: dati)? e conviene per ubuntu avere la /home anch'essa in una partizione separata? in tal caso quanto spazio dedico al solo sistema?

Per Windows, non ti so dire, dipende da come lo usi. Per Ubuntu assolutamente sì, così se devi reinstallare/avanzare/riparare ecc non perdi i tuoi dati personali, le tue impostazioni, e tutto il resto che viene messo in /home.

Io personalmente ho 30GB per /, 8 per swap e il resto del disco a /home (quindi circa 450GB), ma sta a te vedere quanto disco usi.

5) tutte le ultime volte che ho utilizzato delle LiveUSB create con Unetbootin o con il creatore di immagine disco di Ubuntu ho avuto dei problemi, anche su chiavette diverse: potrebbe essere un problema di unetbootin che corrompe in parte l'immagine e causa un effetto a catena oppure un'incompatibilità con il mio hardware?

Unetbootin è noto per avere parecchi problemi ultimamente... Se sei su Windows usa rufus, se sei su Ubuntu usa il creatore dischi di avvio.

Per quel che riguarda incompatibilità hardware, è impossibile dirtelo senza sapere qual è! :

coll. permanente

ha risposto 02 Ott '16, 15:47

dadexix86's gravatar image

dadexix86 ♦♦
16.9k816161

Grazie mille per tutte le risposte! Un'ultimissima cosa al volo, che mi perplime dopo aver letto alcuni articoli: è vero che clonando l'intero disco con Clonezilla su un disco più grande avrei una parte di spazio che non potrei più utilizzare (i 200GB in più rispetto al disco di partenza)?

(03 Ott '16, 20:03) Lord Jack Lord%20Jack's gravatar image

Sì, esatto. Perché viene copiata anche la tabella delle partizioni, che riporta come dimensione quella del disco di partenza.

(03 Ott '16, 21:39) dadexix86 ♦♦ dadexix86's gravatar image
La tua risposta
abilita/disabilita anteprima

Segui questa domanda

Via email:

Una volta eseguito l'accesso potrai iscriverti a tutti gli aggiornamenti qui

Via RSS:

Risposte

Risposte e commenti

Basi di markdown

  • *corsivo* o __corsivo__
  • **grassetto** o __grassetto__
  • collegamento:[testo](http://url.com/ "titolo")
  • immagine?![alt testo](/path/img.jpg "titolo")
  • elenco numerato: 1. Foo 2. Bar
  • per aggiungere un'interruzione di riga, aggiungi due spazi a fine riga e premi «Invio»
  • è supportato anche semplice HTML

Tag:

×59
×37
×27

domanda posta: 01 Ott '16, 19:51

domanda visualizzata: 1,034 volte

ultimo aggiornamento: 03 Ott '16, 21:39

Chiedi è un servizio di supporto gestito da Ubuntu-it. Contattaci!

powered by OSQAPostgreSQL database
Ubuntu e Canonical sono marchi registrati da Canonical Ltd.