Buongiorno!

sono un utente Windows (più per necessità che per scelta) molto scettico e proprio per questa ragione, finora non mi sono mai fidato di fare operazioni che abbiano a che fare con il mio conto corrente online da sistemi Windows.

Mi piacerebbe avere qualche suggerimento per un PC Linux con un budget sui 200-250 Euro che mi servirebbe esclusivamente per gestire il mio conto corrente ed eventualmente fare acquisti online.

Le persone che avrebbero voluto regalarmelo, mi hanno riferito che i negozi dove avevano chiesto informazioni gli hanno detto che in negozio "non è posssibile vendere prodotti con installato Linux per una questione di garanzia"... Qualcun'altro addirittura ha messo in dubbio la fattibilità di tale proposito suggerendomi di verificare che "i criteri di sicurezza utilizzati dalla mia banca e/o siti di e-commerce fossero compatibili con un PC Linux".

Grazie in anticipo Edoardo

chiesto 18 Apr, 11:49

ebogo's gravatar image

ebogo
201


Effettivamente hanno ragione, a volte le banche ed altri attori online non considerano Linux.
La sicurezza per transazioni online, però, non dipende in generale dal sistema operativo che usi, ma dal fare attenzione ad alcuni dettagli che sono indipendenti dallo stesso.

Se non hai virus, rootkit e/o keylogger (che esistono anche per Linux!) devi "solo" fare attenzione ad usare un browser sicuro ed aggiornato (Firefox, Chromium, Google Chrome, Opera, ma anche Edge se preferisci, basta che siano all'ultima versione stabile!), con meno estensioni possibili (e controllare quali sono i permessi che hanno le estensioni che già hai), accertarti sempre del fatto che sei in connessione cifrata (https) e che il certificato che il sito usa sia valido.

Ad esempio, su Chrome puoi controllare queste cose assicurandoti che il lucchetto accanto al link sia verde e ci puoi cliccare sopra per avere ulteriori informazioni; puoi anche controllare altri dati più dettagliati del certificato di sicurezza, per essere proprio sicuro che il sito sia quello che ti interessa e non sia stato contraffatto.
La stessa cosa vale per Firefox (non ti so dire Edge perché io utilizzo solo Ubuntu, ci sono passato ormai 10 anni fa).

La connessione https è cifrata, quindi nessuno che si interpone tra te e la banca può leggere il contenuto delle comunicazioni che vi scambiate.
In generale, indipendentemente dallo scopo della tua navigazione, sarebbe meglio sempre comunicare in https e non http, questo in modo da rendere virtualmente impossibile a chicchessia (compreso il tuo provider internet) interporsi tra te e la destinazione e leggere i dati che invii e ricevi.

Ovviamente se la tua banca vuole che tu installi un software specifico per fare le transazioni tutto questo discorso non vale, e devi parlare con la tua banca per capire effettivamente quali siano i prerequisiti di sistema del loro software (ad esempio potrebbe non essercene una versione Linux).

coll. permanente

ha risposto 18 Apr, 23:16

dadexix86's gravatar image

dadexix86 ♦♦
16.9k816161

Grazie mille per la celere e utile risposta, ero convinto che il mondo Linux fosse praticamente quasi immune da virus, non essendo pensato per fornire dati qua e là al suo sviluppatore come invece mi hanno sempre dato la sensazione di essere i sistemi Windows. Ricordo che un tempo si diceva che non esistevano antivirus per Linux anche perchè non esistevano virus in grado di sfruttare vulnerabilità del sistema.

Evidentemente le cose non stanno più così (se mai lo erano state) e in effetti mi rendo conto che il concetto stesso di rootkit e keylogger hanno probabilmente scavalcato addirittura il problema.

Considerando questo nuovo scenario però mi viene da chiedermi se davvero vale la pena di spaccarsi la testa per nuotare controcorrente e imparare ad utilizzare un sistema più difficile X suo stesso DNA come Linux, che spesso è tagliato fuori su applicativi e quant'altro per questioni di licenza e che nemmeno più ti da la sicurezza di essere praticamente immune da intrusioni e virus, come ingenuamente credevo essere (ovviamente sapendo che nessun sistema può e potrà mai essere immune dalla stupidità dell'utente).

Insomma, premettendo che indipentemente da tutto il fattore simpatia mi porta cmq a parteggiare per il Pinguino, e che mi piace l'idea di poter fare un po' di cose anche senza passare attraverso Windows o Apple e le loro logiche speculative, la nuova domanda che mi sorge spontanea è: "Linux ha o non ha la possibilità di offrirmi un background più sicuro di quanto non mi offrano Il gatto e la volpe"?

Grazie, Edoardo

coll. permanente

ha risposto 27 Apr, 12:39

ebogo's gravatar image

ebogo
201

"se davvero vale la pena di spaccarsi la testa [...]" questo puoi deciderlo soltanto tu. Io ho fatto il grande salto dieci anni fa e non tornerei indietro per niente ;)

(10 Mag, 12:02) dadexix86 ♦♦ dadexix86's gravatar image

la verità,sempre usato il mio conto online,sia con Linux,Windows senza antivirus

Saluti

(10 Mag, 20:19) Davide_74 Davide_74's gravatar image
La tua risposta
abilita/disabilita anteprima

Segui questa domanda

Via email:

Una volta eseguito l'accesso potrai iscriverti a tutti gli aggiornamenti qui

Via RSS:

Risposte

Risposte e commenti

Basi di markdown

  • *corsivo* o __corsivo__
  • **grassetto** o __grassetto__
  • collegamento:[testo](http://url.com/ "titolo")
  • immagine?![alt testo](/path/img.jpg "titolo")
  • elenco numerato: 1. Foo 2. Bar
  • per aggiungere un'interruzione di riga, aggiungi due spazi a fine riga e premi «Invio»
  • è supportato anche semplice HTML

Tag:

×33
×12

domanda posta: 18 Apr, 11:49

domanda visualizzata: 161 volte

ultimo aggiornamento: 10 Mag, 20:19

Chiedi è un servizio di supporto gestito da Ubuntu-it. Contattaci!

powered by OSQAPostgreSQL database
Ubuntu e Canonical sono marchi registrati da Canonical Ltd.